Tra pochi giorni esce l'antologia Delitti di Lago 4 edita da Morellini Editore

 

20 racconti gialli ambientati sui laghi 

 

https://www.morellinieditore.it/scheda-libro/erica-arosio-angela-borghi-mercedes-bresso/delitti-di-lago-4-9788862987448-579363.html

 

Sinossi dei racconti

 

I giochi dei grandi di Erica Arosio

Primavera 1955. Una famiglia di esuli russi residenti a Parigi arriva a Stresa, al Grand Hotel Des Iles Borromées. Viaggia sul Simplon Orient Express, il treno che contribuì a portare su quella riva del Verbano un turismo internazionale e di grande lusso. E’ la prima vacanza importante di Adam e Olena Muraskin insieme ai loro tre figli Masha, Iosif e Alioscia. Il viaggio è affascinante soprattutto per Alioscia, tredicenne introverso che idolatra il padre e a cui non sfugge nessun dettaglio della realtà che lo circonda. Ma la prima sera trascorsa a Stresa e una passeggiata solitaria del ragazzo con il padre segneranno per sempre la vita di tutta la famiglia.

Notte di Valpurga di Angela Borghi

Notte di Valpurga, notte delle streghe: a Porto Ceresio avviene un delitto, durante l’inaugurazione di un rinnovato negozio di libri rari e antichi. A interessarsi sugli eventi e a farsi domande si tuffano tre amiche, un avvocato, un’erborista e un’insegnante coinvolte in diverso modo nella vita del defunto. Vengono sospettati tutti i presenti alla festa, cioè i notabili del paese e soprattutto un affascinante sconosciuto con un esuberante cagnolino al seguito, per i suoi misteriosi movimenti. Grazie alle tre investigatrici improvvisate, i Carabinieri arriveranno alla soluzione del crimine che aveva sconvolto la placidità delle rive del lago Ceresio.

Cambiamento climatico di Mercedes Bresso

Durante un’estate particolarmente secca il livello delle acque del lago Maggiore scende così tanto da formare anelli di sabbia intorno alle isole Borromee. Un cadavere ancorato a blocchi di cemento affiora in una zona nascosta del canneto di Fondotoce. Il professor Claude Muller dell’Università di Pollenzo in vacanza a Levo in cerca di frescura, legge la notizia sui giornali locali e si offre di collaborare con gli inquirenti e con un amico giornalista per risolvere il caso. Claude Muller è protagonista di tutti i romanzi e racconti gialli di Mercedes Bresso ed è ispirato (e somigliante) a suo marito, che ha anche guidato una Giulietta rossa.

La sciagura del lago di Sergio Cova

Il vice comandante della Polizia Municipale di Varese, Arturo Gullace fresco del successo nel caso dell’assassino del lagoche ha risolto grazie alla dalla testimonianza di alcuni vecchi pescatori della Schiranna, accorre dalla giovane Sonia che, piangendo, comunica all’uomo la morte della zia. Anzi prozia. Una morte naturale dalla quale, però, i due scoprono una tragedia avvenuta nel 1933 nel lago di Varese, zona Bodio Lomnago, nelle cui acque annegarono cinque giovani. Uno di questi era Rodolfo, innamorato della zia Rosa. Gullace, davanti ad una fotografia di Rodolfo e Rosa, riconosce uno dei pescatori con cui aveva parlato pochi giorni prima. Per questo motivo torna insieme a Sonia al Circolo Pescatori della Schiranna per scoprire con sgomento che gli anziani che l’avevano aiutato nel caso altri non erano che fantasmi, vittime della sciagura del lago.

Omicidio a Villa Fedora di Emilia Covini

Giulia vive da sola in una grande villa, ha una sola amica e pochi interessi. Unico svago le passeggiate serali sul lungolago di Baveno. Una vita monotona e triste, ma una sera, mentre si trova nel parco di villa Fedora si imbatte nel cadavere di una donna. Da quel momento sviluppa un interesse morboso verso la vittima e tutto ciò che la riguarda: in fondo lei e la vittima, non sono così diverse. Anzi sembra siano molti gli aspetti che le accomunano.

Per una torre di libri di Sara Kim Fattorini

Uno scrittore proveniente dal mondo della moda e del luxury muore in modo misterioso in una elegante villa sul lago a Lesa. Cosa c’è dietro la sua morte? L’ambiente dell’editoria è proprio così limpido?

Diamanti sul lago di Erica Gibogini

A Pettenasco, in una calda giornata di fine estate tre svizzeri, due uomini e la moglie di uno di loro trasferitisi dalla Svizzera trenta anni prima, vengono uccisi. Il maresciallo dei carabinieri di Orta deve assentarsi per il matrimonio della figlia e arriva a sostituirlo in modo fortuito il misterioso brigadiere Donati. In casa delle vittime si trovano valigie pronte che fanno pensare che i tre stessero per lasciare Pettenasco. Alcuni indizi portano a Lugano, all'anno 1989, forse a un passato che accomuna i tre.

Il fantasma del lago di Lucia Tilde Ingrosso

Un misterioso serial killer miete vittime nelle più affascinanti località lacustri: da Intra a Stresa, da Laveno a Bellagio. Spietato e inafferrabile, uccide donne sole, conosciute online. Trasformista ed esperto del Web, non lascia tracce. Solo cadaveri. Lo chiamano "il fantasma del lago". Ora sta aspettando la prossima vittima. Una donna bionda, sola, ancora bella. Una donna che però, per una serie di imprevisti rischia di arrivare in ritardo. Ma non vuole rassegnarsi al destino. Corre, cerca mezzi alternativi, si ribella all'incredibile concatenarsi di circostanze che rischiano di separarla dall'uomo che le può cambiare la vita. Per incontrarlo sa di dover arrivare puntuale: su questo lui è stato chiaro. Lui non può permettersi di aspettare neanche un secondo. Lei non può permettersi di arrivare in ritardo neanche di un secondo. Come finirà questa corsa contro il tempo (e il destino) vissuta, in un alternarsi di punti di vista, da entrambi i protagonisti?

All’ombra della Rocca di Aldo Lado

Una coppia senza figli e un matrimonio scivolato nell’indifferenza e nei sospetti reciproci. A tenerli uniti è la bella casa coniugale di Angera che ognuno vorrebbe interamente per sé, ma nessuno dei due ha i soldi per liquidare l’altro.  Entrambi hanno un piano …

Lei si illumina di Giorgio Maimone

Giorno d’estate a Milano. Marlon, da solo in ufficio, si annoia. L’avvocato Greta Morandi, di cui il detective è socio, è al mare a Forte dei marmi, gli amici sono tutti in vacanza e i casi da risolvere latitano. Quand’ecco che, al culmine di una gara di lancio del cappello sull’attaccapanni (dieci centri consecutivi), nello Studio Morandi entra una bellissima donna: la veletta non basta a nascondere il colore degli occhi: viola. E neppure quello dei capelli: rosso fuoco. Niente di quello che ha addosso (una gonna a tubo che arriva appena sotto il ginocchio e una camicia di seta leggerissima) serve a mascherare un corpo da Miss Italia. Ma, particolare ben più strano, dentro un cestino di vimini, porta con sé un cincillà. Ma non è l’animale al centro della richiesta della donna all’investigatore privato, bensì la ragazza con cui divide la camera che è sparita da qualche giorno. Voleva fare del cinema, nel frattempo campava facendo fotoromanzi: è stata invitata da un regista a Verbania ed è sparita. Per il nostro annusapatte di via Corelli inizia una strana avventura che lo fa rimbalzare, come la pallina di un flipper, tra il lago Maggiore e Milano alla ricerca dalla ragazza scomparsa. Un giallo in cui niente è come sembra a un primo sguardo e nessuno, in fondo, dice la verità. Forse neppure Marlon.

La Pazza del lago di Alessandro Marchetti Guasparini

 Martina Salvetti non torna spesso a Varenna, piccolo borgo lacustre dove è cresciuta. E quando lo fa è solo per incontrare la sua amica d’infanzia, Vittoria. Ma Vittoria, stavolta, sembra essere sparita. Così, con l’aiuto della madre della ragazza, inizia a cercarla, andando a interferire nelle questioni più personali degli abitanti della zona. E c’è un’anziana donna che dice di aver visto il cadavere di Vittoria emergere dalle acque del lago. Ma quella donna è la “Pazza del lago” e da oltre trent’anni nessuno le dà più ascolto.

Epifania di Nicoletta Minola

A Vedasco, frazione di Stresa, durante le celebrazioni annuali in cui il piccolo borgo in collina diventa un presepe, muoiono tre anziani partigiani che stanno per essere decorati con una medaglia d’oro. Durante le indagini riaffiora un fatto terribile, la giovane Prassede, di solo 17 anni, era stata uccisa barbaramente proprio a Vedasco durante la guerra a causa delle sue convinzioni filo – fasciste.

Grand hotel due omicidi di Danilo Pennone

In un grande albergo di Stresa il giorno di Santa Lucia del 1943 in una stanza vengono ritrovati i cadaveri di due amanti uccisi in modo cruento. Lui è un commerciante molto ricco e lei la moglie del vice console italiano a Chiasso. Mancano i gioielli di lei e gli effetti personali di lui. Difficile trovare il colpevole e il movente. Un furto o la vendetta del marito tradito o altro ancora?

I dubbi del parroco di Alberto Pizzi

Ritorna il Maresciallo Calarco, già presente nei racconti “Trenta giorni sono pochi” e “Le Valigie del Sindaco” oltre al volume “Il Compito”. Questa volta deve aiutare il parroco di Stresa che è preoccupato per il comportamento di una parrocchiana. Un delitto interviene a complicare la situazione. Calarco con i suoi modi tradizionali e pacati riuscirà a trovare il bandolo della matassa. Luogo di ambientazione: il centro di Stresa con una breve divagazione a Laveno.

Il segreto del lago silente di Maurizio Polimeni

Dicembre 1942. Sullo sfondo del conflitto bellico, Eliana e Giacomo si ritrovano dopo lunghi mesi nel piccolo borgo di pescatori a due passi da Porto Ceresio. Una storia romantica e nostalgica che descrive la gioia, l’emozione e infine la disperazione per il tragico segreto svelato dal parroco del villaggio adagiato sulle sponde del lago silente.

Il profeta di villa Diamante di Silvio Raffo

Angèle e Clementine si erano incontrate all’asilo di Castel San Pietro dove lavoravano come maestre giardiniere e avevano subito stabilito una profonda intesa. Diventate cognate quando Clementine aveva sposato Elèmire, mago che riceveva la sua clientela nella villa di famiglia di Brusino Arsizio, tramano per sbarazzarsi di lui e vivere insieme in serenità dedicandosi alla casa e alle opere pie. Ma il destino è in agguato.

Manoscritto trovato in una tasca di Sergej Roic  

Negli anni Settanta a Brissago sul Lago Maggiore due famiglie vivono per alcuni mesi nella stessa casa. Il narratore, che a quel punto è ancora un ragazzo, è amico di Neno. I due amici giocano a calcio osservati da uno strano personaggio ricoverato nella clinica dove lavorano come medici i loro padri. Qualche anno dopo, sul gelato laghetto alpino di Champex, nella Svizzera francese, Neno confesserà al narratore di aver trovato un manoscritto in una tasca.  Il manoscritto è la storia dell'uomo che li osservava mentre giocavano a calcio. Osservandoli, si rendeva conto di poter in qualche modo prevedere il futuro. La sua discesa negli abissi della propria mente - e, chissà, di una mente universale - è un viaggio che lo conduce in un luogo che ha intravisto/previsto, il luogo del suo suicidio. Il racconto è un omaggio allo scrittore argentino Julio Cortazar.

Il prato di Patrizia Rota

Ambientato nella Luino degli anni Sessanta, protagoniste sono due gemelle, Adele ed Elisa, irrequiete e intelligenti. Abitano con i genitori in una villa liberty. Tutto il giardino è occupato dalla vecchia zia Ercolina, per coltivare le sue piante officinali. Confina con la casa delle gemelle una splendida villa con un grande parco dove vive l’anziana signora Stocker. I genitori delle gemelle, Carlo e Anna, la invitano a casa per proporle l’acquisto di una parte del parco per avere uno spazio dove le gemelle potrebbero giocare all’aperto. La trattativa non va a buon fin e poco dopo la signora Stocker muore avvelenata. Il commissario, Giani indagare su quella morte inaspettata.

La villa della grande felicità di Mariano Sabatini

Morena Tinti, una donna disinvolta con grande senso per gli affari, acquista una vecchia villa sull’isola Maggiore del lago Trasimeno disabitata da anni perché si dice sia infestata dal fantasma di donna Olimpia, per farne una residenza per anziani. Con lei collabora Ilaria, la sua migliore amica. Gli affari vanno molto bene, Morena dà molta confidenza agli anziani più ricchi mentre i meno abbienti vengono confinati nei sotterranei. Un giorno viene trovata morta nel suo studio con un paio di forbici piantate nella schiena. Sono in tanti ad avere un buon motivo per ucciderla.

 

La strada di casa di Laura Veroni

L’avvocato … dopo molti anni torna nella casa di Verbania in cui è cresciuta e che la madre le aveva fatto abbandonare precipitosamente quando era ancora una ragazzina. Il padre, che aveva continuato a vivere in quella casa è in fin di vita all’ospedale Castelli. La casa è rimasta uguale, ma cela un inquietante segreto.

 

BIOGRAFIE DELITTI DI LAGO 4

 

Erica Arosio, milanese, è giornalista e critico cinematografico ed è stata a lungo responsabile cultura e spettacolo per il settimanale Gioia. Ha collaborato con varie testate, fra cui "La Repubblica", "Il Giorno", «Panorama», «Cineforum», «Rockerilla», «Segnocinema» e con trasmissioni televisive e radiofoniche. Per molti anni ha curato la rubrica cinema di Radio Popolare. E' autrice di L'uomo sbagliato (La Tartaruga), di una biografia di Marilyn Monroe e di Carne e nuvole (Morellini). Un suo racconto è contenuto nell’antologia Delitti di Lago vol. 3 (Morellini). In coppia con Giorgio Maimone ha pubblicato Vertigine (Baldini Castoldi), Amour Gourmet, Un due tre Stella (Mondadori), Non mi dire chi sei, Cinemascope, Juke Box, un racconto nell'antologia Ritratto dell'investigatore da piccolo (Tea) e A rincorrere il vento (Morellini). Vive a Milano.

Angela Borghi - Medico Internista, ha lavorato in ospedale per trent’anni, ora si dedica alle vere passioni: leggere, correre, restaurare vecchi mobili e scrivere di delitti. Li ritroviamo nei suoi racconti pubblicati nelle antologie Delitti di Lago, Nuovi Delitti di Lago e Delitti di Lago vol. 3 editi da Morellini e nei 5 romanzi pubblicati: “Delitto al Sacro Monte” e “I misteri del convento di Casbeno” (ediz. Pietro Macchione) “Che domenica bestiale” e “La ragazza con il vestito azzurro” (Robin ediz.) ”Il destino del gatto” (0111 ediz). Vive a Buguggiate dove è Assessore alla Cultura. Aveva giocato a pallacanestro in serie A.

Mercedes Bresso ha insegnato  Economia all’Università e al Politecnico di Torino. Tra i suoi libri scientifici, ricordiamo Pensiero economico e ambiente (Loescher, 1982) e Economia ecologica (Jacabook, 1997). È stata presidente della Regione Piemonte e della Provincia di Torino, oltre che parlamentare europea. Ha scritto romanzi tra cui: Il profilo del tartufo (Rizzoli, 2009) e Il lato in ombra del Lago (Pintore, 2011). Suoi racconti sono contenuti nelle antologie Delitti di Lago, Nuovi Delitti di Lago e Delitti di Lago vol. 3 edite da Morellini Editore. Insieme alla sorella Paola ha pubblicato il romanzo di fantascienza ecologica Missione Last Flower (Pintore, 2012) e Anno Luce Zero edito da Morellini Editore nel 2019.

Sergio Cova è nato nel 1978 a Varese, vive a Bardello (VA) con la sua compagna, il figlio e cinque gatti. Finalista in diversi concorsi, i suoi scritti sono stati inseriti in varie antologie. Nel 2013 e nel 2017 ha vinto il premio NebbiaGialla categoria racconti inediti, con successiva pubblicazione dei racconti sul Giallo Mondadori. Collabora con la collana “Sherlockiana” Delos Digital con la quale ha pubblicato alcuni apocrifi su Sherlock Holmes. Ha pubblicato due romanzi gialli Tutti colpevoli (2011) e Una via d’uscita (2013) con Pietro Macchione Editore e, per la milanese Happy Hour Edizioni, i noir Il piano del Gatto (2015) e Il Modigliani perduto (2017).

Emilia Covini, nata a Milano, laureata in Lingua e Letteratura Inglese è una vorace lettrice di romanzi, biografie e thriller. Vive tra Bollate e Baveno. Nel 2014 ha vinto il concorso letterario Note di Vita – Le donne si raccontano con il racconto autobiografico Civico 50. Nel 2017 il suo racconto La signora delle Camelie è stato pubblicato nella raccolta Delitti di Lago vol. 3 edito da Morellini. Il suo racconto Un bel sogno è stato tra i dieci finalisti del Premio Internazionale della Letteratura Città di Como 2019. Insieme alla sorella si occupa del sito www.risvoltidicopertina.com dove recensisce e commenta i numerosi libri che legge.

Erica Gibogini, nata a Premosello Chiovenda il 23 giugno 1960, vive a Pettenasco, sul Lago d’Orta, con la famiglia. Diplomata in Istituto Tecnico-Ragioneria, lavora nella Pubblica Amministrazione. Ha pubblicato nel 2018 con la casa editrice “Mnamon” il libro Orta in giallo, raccolta di racconti gialli ambientati sul lago d’Orta, contenente anche il racconto vincitore di “Garfagnana Noir 2017” come miglior racconto con ambientazione in Garfagnana e già contenuto nell’Antologia Criminale 2017 edita da Tralerighe Libri. Finalista anche per edizione 2018 con il racconto Il gioco del salto alla corda, pubblicato da Tralerighe Libri. Fa parte del Laboratorio di Narrazione di Verbania, con il quale ha curato il libro Il treno narrante edito da Morlacchi Editori. Ha pubblicato nel 2019 per Morellini Editore il romanzo "Rose bianche sull'acqua", finalista al Premio Garfagnana in Giallo 2019.

Sara Kim Fattorini è nata a Seul, in Corea del Sud, nel 1972. Adottata da una famiglia milanese, è cresciuta nel capoluogo lombardo. Laureata in lettere antiche, ha lavorato nel campo dell’alta moda. La chimica dell’acqua, il suo primo romanzo, è stato pubblicato da SEM nel 2017, poi riproposto da Feltrinelli in edizione tascabile. Nel 2018, sempre per SEM, è uscito Delitto ad Arte vincitore del premio Tettuccio 2019. Protagonista di entrambi i romanzi è l’investigatore Giacomo Corna che vive a Orta.

Lucia Tilde Ingrosso, giornalista e scrittrice vive a Milano. Tosco-milanese, è innamorata della Puglia. Ha pubblicato 21 libri, di (quasi) ogni genere. Predilige i gialli (6 titoli, di cui 5 con protagonista l'ispettore milanese Sebastiano Rizzo). Il più recente è Una sconosciuta (Baldini+Castoldi). Scrive anche per i ragazzi (Curtun, Salani e Il sogno di Anna, Feltrinelli). E in compagnia di suo marito Giuliano Pavone. Info: www.luciatildeingrosso.it

Aldo Lado nato a Fiume nel 1934 ma cresciuto a Venezia, ha scritto e realizzato una ventina di film per il grande schermo e oltre sessanta per la televisione. Ennio Morricone ha composto le colonne sonore di molti suoi lavori. Alcuni suoi film diventati dei cult sono spesso presenti in rassegne cinematografica sia in Italia che all’Estero. Da alcuni anni si dedica alla letteratura e suoi racconti sono presenti nelle antologie Nuovi Delitti di Lago (2016) e Delitti di Lago Vol. 3 (2017) editi da Morellini e in Otto Racconti per Piero Chiara, premio Piero Chiara inediti 2017. Ha inoltre pubblicato per Edizioni Angera Film: I Film che Non Vedrete Mai (2017) Un Pollo da Spennare (2018) Hotel delle Cose (2019).  Con lo pseudonimo di George B. Lewis il thriller Il Mastino (2018) vincitore del Premio della Critica al premio letterario internazionale di Cattolica 2019 e come Aili H. il romanzo storico Miriam (2018). Vive e lavora ad Angera sul Lago Maggiore.

Giorgio Maimone è stato capo-redattore del “Sole 24 Ore” per oltre 30 anni. Ha lavorato in teatro e diretto Canale 96, la prima radio libera della sinistra milanese, e in seguito Radio Regione. Ha fondato e dirige il portale della canzone d’autore Brigata Lolli e ha lavorato per le reti Mediaset come ideatore e autore di programmi. Si occupa di recensioni librarie e discografiche e da 15 anni è nella giuria delle Targhe Tenco. In coppia con Erica Arosio ha pubbicato Vertigine (Baldini Castoldi, 2013), L’amour Gourmet e Un due tre Stella (Mondadori, 2014 e 2015), Non mi dire chi sei e un racconto nell’antologia Ritratto dell’investigatore da piccolo (Tea, 2016 e 2017). Suoi racconti sono contenuti nelle antologie Giallolago (Eclissi, 2013), Delitti di Lago e Nuovi Delitti di Lago e Delitti di  Lago vol 3 uscite per Morellini Editore, con la quale ha pubblicato anche, sempre in coppia con Erica Arosio, A rincorrere il vento. Il B-Side del ’68 (2018). È in arrivo il loro prossimo libro. Con Luca Pollini, invece, ha pubblicato Oggetti smarriti. Piccolo catalogo delle cose perdute (2019).

Alessandro Marchetti Guasparini Alessandro Marchetti Guasparini, nato nel 1996, vive a Castelnuovo di Garfagnana e studia Giurisprudenza all’Università di Pisa. A quattordici anni vince la sezione giovani del concorso Garfagnana in Giallo, dove, nei tre anni successivi, è risultato finalista. Negli anni 2012 e 2015 ha vinto il concorso letterario “Il Treno”. Nel 2013 vince la sezione Gran Giallo per ragazzi del premio Gran Giallo a Castelbrando.  Suoi racconti sono stati pubblicati nelle antologie “Giallolatino”, “Garfagnana in Giallo”, “GialloArte”, “Inchiostro su rotaia”, “Nuovi Delitti di lago” (Morellini Editore) e altre. Nel 2014 vince il Premio Giornalistico Arrigo Benedetti nella sezione dedicata agli studenti liceali. Nel 2015 si aggiudica il premio Gialli sui Laghi con il racconto "Quello che le cameriere non dicono", pubblicato sul Giallo Mondadori. Nel 2017 è finalista del concorso I Sapori del Giallo, organizzato in collaborazione con il Giallo Mondadori e, nel 2019, è finalista nella prima edizione del premio Giallo Ceresio.

Nicoletta Minola nata a Torino nel 1937 ha vissuto molti anni a Milano e ora risiede a Stresa. Traduttrice tecnica specializzata in testi medici ha lavorato per una multinazionale e successivamente ha aperto la propria agenzia di traduzioni e interpretariato. Raggiunta e oltrepassata l’età della pensione, ha iniziato a scrivere come hobby. Un suo racconto è stato pubblicato nell’antologia “Gatti Magici – Amicizie Particolari” (Mursia). Ha in seguito pubblicato alcune raccolte di racconti in self-publishing.

Danilo Pennone è nato a Roma, dove vive e insegna. Ha esordito nella narrativa nel 2008 con il romanzo Confessioni di una mente criminale, (Newton Compton Editori), da cui è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale, rappresentato, tra l’altro, al Todi Arte Festival 2009 con la direzione artistica di Maurizio Costanzo e nelle carceri romane di Regina Coeli e Rebibbia con il patrocinio del Garante per i Detenuti del Lazio. Ha scritto per riviste specializzate diversi saggi sul cinema, lavorando come assistente alla cattedra di Storia del Cinema presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Per la Stile Regina Editrice ha pubblicato nel 1990 il volume I Celti, miti e leggende. È autore musicale e teatrale. Nel è uscito il romanzo Il cadavere del lago per Newton Compton Editori.

Alberto Pizzi è nato nel 1954 a Casale Corte Cerro, dove risiede. E’ libero professionista nel settore finanziario con la passione per la corsa. Ha pubblicato per Edizioni Buk nel 2011 “Quell’Hotel sull’oceano” e nel 2012 “Il segreto di Mila”. Nel 2016 è uscito "Il compito" (Edizioni Gilgamesh). Suoi racconti sono contenuti nelle antologie "Giallolago" (Eclissi), Delitti di Lago, Nuovi Delitti di Lago e Delitti di Lago vol. 3 (Morellini).

Maurizio Polimeni, classe 1964, laurea in Economia a Brescia, è consulente bancario a Reggio Calabria, la sua città. Ama leggere, scrive racconti e si considera un creativo dalla scrittura semplice, incline al finale a sorpresa. Un debole per l’Hitchcock degli anni ’50, per la fotografia, il mare, i viaggi e il calcio, sport amato e praticato in passato. Un viaggio in Scozia e un romanzo, i due sogni nel cassetto. Vincitore del Premio perfiducia2.0 del 2010, del Premio Garfagnana in giallo del 2014, del Premio Racconti nella rete del 2014, del Premio Gialli sui laghi 2016. Il suo racconto La mia ultima estate è stato pubblicato sul Giallo Mondadori.

Silvio Raffo, romano di nascita, varesino di adozione, ha vissuto per parecchi anni a Brusino Arsizio, sul lago di Lugano, villaggio che tra l'altro gli ha ispirato il romanzo IL LAGO DELLE SFINGI. Docente per anni al Liceo Classico Cairoli di Varese, insegna attualmente all'università dell'Insubria Traduzione Letteraria. Autore di una decina di romanzi, da uno dei quali, finalista allo Strega 1997, è stato tratto un film (LA VOCE DELLA PIETRA), ha al suo attivo anche molti libri di poesia, più antologie (l'ultima, MUSE DEL DISINCANTO, edita da Castelvecchi) e traduzioni da poeti greci, latini e angloamericani. Ha fondato il Premio Guido Morselli per narrativa inedita e dirige dal 1987 il centro culturale La piccola Fenice.

Sergej Roic è uno scrittore svizzero di origini croate/jugoslave. È giornalista culturale presso il "Corriere del Ticino" di Lugano e traduttore. I suoi libri, le due raccolte di racconti "Innumerevoli uomini" e "Il tempo grande" e i romanzi "Achille nella terra di nessuno", "Omaggio a Paul Klee" e "Vorrei che tu fossi qui - Wish you were here" sono stati pubblicati in Svizzera e Italia. Ha pure curato tre libri-intervista con Aleksandr Zinov'ev, Predrag Matvejevic e Piero Bassetti. Il nuovo romanzo "Solaris - parte seconda" è pubblicato da Mimesis. È copresidente del PEN club della Svizzera italiana e retoromancia ed è un grande appassionato di tennistavolo. Suoi racconti sono contenuti nelle antologie Delitti di Lago e Nuovi Delitti di Lago (Morellini).

Patrizia Rota è nata a Luino (VA) nel 1951 dove è residente. Dopo le scuole superiori si è trasferita a Roma dove ha conseguito il diploma di Programmatore Informatico. Per molti anni ha lavorato in Svizzera e dal 2005 al 2017 è stata titolare dell’Erboristeria Bioland a Luino. La passione per la scrittura le è stata trasmessa dal fratello Davide, scrittore e giornalista prematuramente scomparso. Scrive poesie e racconti, nel 2019 è stata finalista al premio Giallo Ceresio e ha vinto la sezione racconti inediti al Premio letterario Brianza. E’ nipote del premio Nobel per la Letteratura Dario Fo.

Mariano Sabatini (Roma, 1971) scrive da sempre per giornali, televisione (ha firmato tra gli altri il Tappeto volante e Parola mia con Luciano Rispoli) e la radio, per cui ha ideato e condotto programmi. È spesso ospite come commentatore in Rai. Ha pubblicato diversi libri e due romanzi. L’inganno dell’ippocastano (Salani, 2016) è il suo primo: in seconda edizione dopo due settimane dall’uscita, si è aggiudicato il premio Flaiano e il premio Romiti Opera prima 2017. Nel frattempo scrive racconti per riviste popolari e ha partecipato all’antologia Omertà a cura di Cristina Marra (L’Erudita editore) e Moon a cura di Divier Nelli (Lisciani Libri).  Il suo nuovo romanzo Primo venne Caino, sempre per Salani, è uscito nel gennaio 2018 e ha vinto il Premio internazionale Como, Acquanoir Terme Suio, il Premio Logos Cultura Milano International e il Giallo Ceresio. I romanzi sono in via di traduzione in Francia, Belgio e Canada per l’editore Actes Sud. E’ direttore editoriale delle nuove collane Polillo Editore insieme a Divier Nelli.

Laura Veroni è nata e vive a Varese.   Insegnante di Lettere, ha frequentato il Liceo Classico Cairoli e si è laureata in Pedagogia all'Università Cattolica di Milano. Nel 2013 ha vinto il premio migliore scrittura femminile al premio letterario GialloStresa  e il concorso Cartoline di Natale indetto da Meme Publisher. Ha pubblicato i romanzi "I Delitti di Varese", “Varese non avere paura”, “Concerto di morte”, “Il fantasma di Giada” “Il passato non muore” (Fratelli Frilli Editori), "Il ruolo" (Autodafé Edizioni), "Thanatos", (ilmiolibro.it) e "I ricordi di Lalla" e "Volevo solo essere felice" (www.lulu.com). Suoi racconti sono stati pubblicati su siti web o contenuti in diverse antologie tra cui Delitti di Lago, Delitti di Lago vol. 3 (Morellini Editore) e Giallolago (Eclissi).  Ha un sito didattico: La prof Veroni e i suoi alunni e un blog: Tutti i colori di Laura.

Ambretta Sampietro, curatrice -  Nel 2012 ha ideato e organizzato il premio Giallostresa che dal 2015 è diventato Gialli sui Laghi. Nel 2019 ha collaborato allideazione e organizzazione della prima edizione del premio letterario Giallo Ceresio. Dal 2020 collabora all'organizazione del premio Scritture di lago a Como. Ha curato le antologie di racconti gialli ambientati sui laghi "Delitti d'acqua dolce" (Lampi di Stampa), "Giallolago" (Eclissi Editrice), "Delitti di Lago", "Nuovi Delitti di lago" e Delitti di Lago vol3 (Morellini Editore). E' stata co-autrice della guida di Lugano (Morellini Editore). Collabora con la pagina cultura e spettacoli di un quotidiano e occasionalmente con testate web. Dal 2009 al 2014 ha organizzato il festival letterario "Stresa, un aperitivo con ...". Un suo racconto è contenuto nell'antologia 365 storie cattive. Cresciuta a Stresa, ha vissuto molti anni a Lugano e ora vive a Varese.  

 

I diritti dell'antologia vengono devoluti all'associazione La Gemma Rara Onlus di Varese https://www.lagemmarara.org/ 

 

Grazie a Luca Leone per la foto di copertina